Seconda posizione per la squadra della Delegazione 8^ Zona al 38^ Rally di Como dove non ha schierato vetture in nella classe regina R5. Determinanti Lanzalaco, Nastasi, Pellitteri e Cassarà. Battaglia: “Grazie a tutti i nostri nove equipaggi motivo d’orgoglio regionale”
Settimo e Battaglia con equipaggi siciliani a Como
Torregrotta (ME), 27 ottobre 2019. La Sicilia ha conquistato il 2° posto nella classifica Delegazioni nella Finale ACI Sport Rally Cup che si è disputata al 38^ Rally di Como venerdì 25 e sabato 26 ottobre. Lungo le 9 prove speciali intorno al lago lariano, gli equipaggi dell’8^ Zona (Sicilia) entrati in finale, si sono come sempre fatti onore, anche se è mancata la sfida di vertice per l’assenza di vetture della classe regina R5. Tutti gli equipaggi in gara hanno avuto il saluto di Daniele Settimo, Presidente Commissione Rally ACI Sport, oltre che di tutti i componenti. Al seguito dei nove equipaggi siciliani anche il Delegato ACI Sport regionale Armando Battaglia.
Giovanni Lanzalaco e Antonio Marchica, i nisseni della CST Sport su Renault Clio RS, hanno animato un appassionante duello per la classe PS3, le vetture con già alcuni anni di produzione all’attivo, terminato al secondo posto per poco più di 3 secondi dopo 9 prove speciali. Altra prestazione determinante quella del trapanese Andrea Nastasi navigato dall’esperto messinese Massimo Cambria su Renault Clio R3, l’equipaggio del Team del mago ha chiuso al 5° posto di classe il suo debutto sulle strade lariane. Sempre in classe PS3 gli altri trapanesi del Team Phoenix Cesare Cassarà e Benedetto Barresi, anche loro su Renault Clio, hanno completato la formazione che ha portato il podio di Coppa Italia per le Delegazioni in Sicilia.
Hanno tutti ben figurato gli equipaggi che hanno coronato la stagione della serie di Zona con le finali della ACI Sport Rally Cup, come gli agrigentini di San Giovanni Gemini Nazareno Pellitteri e Michele Lo Monaco, il duo P.S. Start su Renault Clio primi di classe PE7, ovvero il gruppo A per le auto con più anni di sport all’attivo. Terza piazza in classe PS1 per l’under agrigentino della Project Team Andrea Catarratto Di Caro affiancato da Marco Cusimano sulla Peugeot 106. Brillante, ma non troppo fortunata, quota rosa la palermitana Enza Allotta navigata dalla messinese Loredana Ordile sulla Renault Twingo, protagoniste dell’intera serie regionale siciliana In classe R, ma costrette all’abbandono anticipato a Como. Stessa sorte per tre giovani equipaggi messinesi della riviera jonica sulle Peugeot 106: I giovani Michele Coriglie e Sofia D’Ambrosio, Roberto Mignani e Gianluca De Clò, subito in evidenza ma usciti dai giochi nella prima frazione di gara del venerdì, come gli alfieri New turbomark Carlo Naccari e Gaetano Scarci, subito in testa alla classe PE1400 fino alla PS 6.
-“ La Delegazione Sicilia ha seguito ogni fase di avvicinamento alle finali di Como. La Sicilia ha schierato equipaggi di alto livello come dimostrano i risultati, benché privati da ambizioni di vertice per via dell’assenza di vetture di classe R5 - spiega Armando Battaglia - ringraziamo tutti gli equipaggi che si sono ben messi in evidenza e sono motivo d’orgoglio per una regione ovunque conosciuta per la passione automobilistica in genere e verso i rally in particolare. Abbiamo ancora diversi impegni prima di completare la stagione nella nostra regione, dove sono sempre ferventi passione e impegno ”-.

La Monte Iblei per auto moderne e storiche in programma il 31 Agosto e l’1 Settembre con molti big in gara, occasione per i “Cassibba”di tornare al vertice. Rientra Cubeda e debutta Conticelli jr

Torregrotta (ME), 29 Agosto . Tutto pronto a Chiaramonte Gulfi nel ragusano per ospitare la 4° prova del Campionato Siciliano Velocità Montagna per auto moderne e storiche; la tappa iblea ai fini dell’assegnazione del punteggio si avvale di un coefficiente di 1,5. Grande soddisfazione del Team Palikè e della Scuderia Muxaro, organizzatori in sinergia delle manifestazione per il record fatto registrare di ben 241 iscrizioni.

Per il successo in gara dopo quattro mesi, torna al volante il vincitore delle precedenti cinque edizioni Domenico Cubeda sulla Osella FA 30 di gruppo E2 SS, stessa nuova vettura al debutto in Sicilia per il giovane marsalese Francesco Conticelli. Entrambi non hanno interesse di campionato, ma testeranno al meglio il mezzo e la propria competitività in vista dei prossimi impegni Tricolore.

Per il regionale si riapre la lotta in famiglia fra Samuele e il papà Giovanni Cassibba, entrambi con le Osella della Catania Corse rispettivamente nei modelli PA 21 JrB 1.0 Suzuki e PA 30 Mugen, con Samuele che domenica scorsa a Gubbio ha colto un successo di classe in gara.

Potrebbero rientrare in lotta per la graduatoria assoluta, dal momento che il campionato prevede le concomitanze a massimo coefficente 2.0 del CIVM alla Monte Erice e alla Coppa Nissena anche il comisano dell Ateneo, Franco Caruso, che sarà alla Monte Iblei alla guida della Lola B 99/50 Zytek Formula 3000 e il 20enne di Melilli Luigi Fazzino su Osella PA 21 JrB Suzuki 1.6 che correrà anche per l’Under 25 di cui è leader Martina Raiti in gara anche lei con l’Osella PA 21 Junior di Gruppo CN ed entrambi reduci dalla gara tricolore a Gubbio dello scorso week end, dove Fazzino ha offerto una nuova prova di grande carattere con la vittoria in gara 2 tra le sportscar motori Moto. Sempre su una vettura Sport produzione (CN) l’Osella PA 20 S ci sarà in classe 3000 Rocco Aiuto.

Per quanto riguarda le altre classi di biposto corsa, oltre ai già citati Cassibbaa e a Fazzino fra i leader al via anche Salvatore Reina in classe 1400 con l’Elia Avrio St 09 e Manlio Munafò con l’Osella Pa 20S in classe 2500.

Su vetture monoposto saranno presenti a Chiaramonte Gulfi, Giovanni Carfì con la Tatuus Renault in Classe 2000, Orazio Maccarrone con la Gloria CP8 in classe 1600 e Aldo Contarino con la Gloria B8 in classe 1000, tutti al commando nelle loro rispettive graduatorie.

Con le E2SH si segnalano i maltesi Noel Galea su Ford Escort Mk2 nella 2000, Joe Anastai con l’Austin Cooper in 1600 e Salvatore Naselli con la Fiat 500 Suzuki in 1150.

Tre i capoclassifica del gruppo E1 ITA protagonisti della classica ragusana, in 2000 Alfio Tudisco su Renault Clio Rs, in 1600 Angelo Guzzetta su Peugeot 106 R. e in 1150 Sebastiano Patane con la Fiat 500

Riccardo Arcieri con la Renault Clio RS parte col primato in classe 1600 di Gruppo A

Ben 32 le vetture iscritte nel Gruppo produzione Evo: nella classe oltre 3000 ci saranno Giuseppe Nicastro con la Lancia Dekta 16v, nella 2000 Massimiliano DI Pietro su Renault 5 GT T, nella 1600 Gaetano Noto su Citroen Saxo Vts, nella 1400 Andrea Patanè su Peugeot 205R.

Nel gruppo riservato alle vetture di Produzione S. al via in 1600 Davide Gravina con la Citroen Saxò, e in 1400 Giovanni Migliore con la Peugeot 106 R.

Salvatore Monzone su Citroen Saxò 1600 e Domenico Budano su Peugeot 106 R. saranno sicuri protagonisti del gruppo Racing Star Plus, mentre il solo Salvatore Belardi alla guida della Citroen Saxò compare nell’ elenco iscritti fra I leader di gruppo RS.

Affollatissime le classi 700 riservate alle Bicilindriche, fra le GR 5 il ruolo di lepre con la fiat 500 spetta all’ ex campione italiano Andrea Currenti.

54 sono le autostoriche iscritte alla Monte Iblei. Per il 4° ragguppamento la sfida ai fini del campionato siciliano sarà fra “Aeron” attuale leader su Renault 5 GT Turbo di classe oltre 2000 e Andrea Barbaccia al via su Pagnucci BC 2000. Confermate anche le presenze in 3° raggruppamento di Salvatore Caristi su Fiat 128, nel 2°di Quintino Gianfilippo con l’Alfetta Tc 2000 e nel 1° di Marco Russo col BMW T 2000.

Il weekend ragusano prenderà il via venerdi 30 Agosto con le verifiche Tecnico/Sportive. Sabato 31 con start alle ore 9.30 saranno due le ricognizioni che permetteranno ai piloti di prendere confidenza col tracciatto allungato di citca 3Km. Domenica 1 Settembre la gara in unica manche con partenza sempre alla 9.30

In provincia di Palermo domenica 25 Agosto la 14° prova della serie regionale con coefficiente 1,5. Schillace su Radical Sr4, Puglisi sulla Prosport e Ingardia con la piccola Ghipard a caccia di punti, Castiglione sempre su Radical favorito per il successo parziale

Torregrotta (ME), 23 agosto 2019. Dopo la breve pausa di mezz'agosto si torna a correre fra i birilli, in occasione del 3° Slalom di Altofonte, con l’organizzazione dell’Armanno Corse da subito molto efficiente. Presenti i migliori piloti di specialità che hanno brillato nella prima parte della stagione nella graduatoria assoluta di campionato e nelle classi.

Schillace 2

In primo luogo gli alfieri della TM Racing, entrambi su Radical, il messinese Emanuele Schillace con la Rs 4 di 1600 c.c, lanciato verso il titolo forte delle 8 vittorie conseguite questo anno e il catanese di Giarre, Michele Puglisi con la versione Prosport 1600della Radical, già vincitore della precedente edizione. A contrastarli ci proverà il mazarese della Trapani Corse Girolamo Ingardia che nella graduatoria di campionato occupa il secondo posto avendo ottenuto a sua volta tre successi per altro con tre vetture diverse a Sciacca su Radical 1400 Sr 4, a Misilmeri con la Gloria B5 e a Sant'Angelo Muxaro proprio con la Ghipard di cui disporrà ad Altofonte. Sicuro protagonista della gara sarà il campione italiano in carica Giuseppe Castiglione, trapanese di Buseto Palazzolo, con la Radical 1600 Sr 4 sotto le insegne della Campobasso Corse.

Fra le altre monoposto in gara ci saranno nella stessa classe di Ingardia, la E2 SS 1150, Michele Poma questa volta anche lui su una Ghipard della Armanno Corse e Giuseppe Giametta (T.M Racing) con la Predator, in classe 1600 Antonino DI Matteo( T.M Racing) con la Gloria 8c EVO.

In veste di madrina della manifestazione a rappresentare le quote rosa ci sarà Vincenza Allotta con la sua rossa Fiat 126.

Per quanto riguarda le sfide nelle classi, tanti i protagonisti al via dello slalom di Altofonte : in gruppo Rs ci sarà con la Renault Clio, Lorenzo Bonavires leader della classe 2000, nella Rs Plus in 1600 Giuseppe Perniciaro con la Citroen Saxò e in 2000 Giovanni Muscanera, tutti piloti della Armanno Corse.

In gruppo N altri tre primi di classe, Marco Segreto in 1400 al volante della Peugeot 106 rally, Ignazio Bonavires in 1600 anche lui su Peugeot 106 rally e Mario Radici in classe 2000 sulla Renault Clio Williams.

Per il gruppo A difenderanno il primato Michele Russo con la Peugeot 106 Rally 1600 della Catania Corse e Jerry Mingoia con la Renault Clio Rs 2000 della FR Motorsport.

INGARDIA MUXARO OK

Fra le Bicilindriche si daranno battaglia con le Fiat 500 i primi due della graduatoria regionale di classe 700, Luigi Bono e Giovanni Greco.

In S1, nel ruolo di pilota oltre che di organizzatore ci sarà Andrea Armanno che guida la classe con la Fiat 126, in S4 parte da leader Salvatore Messina con la Peugeot 205 1.3 Rally, in S5 Davide Giorgianni con la Peugeot 106 e in S7 Piero Costantino con la Renault 5GT Turbo.

Francesco Monastra attuale capo classifica della E1 Ita classe 1400 sarà al via con la Fiat 500 SP, mentre in 2000 ci sarà Giuseppe Messina con la Renault Clio RS Cup

Il programma del 3° Slalom Altofonte-Rebuttone, il cui tracciato di 3,800 metri è ubicato sulla S.P 5 in direzione Piana degli Albanesi, prevede sabato 24 Agosto le verifiche tecnico e sportive a partire dalle ore 15.00. Le tre manche di gara in programma domenica 25 saranno precedute da un turno di ricognizione a partire dalle ore 8.00

 

Puglisi

Si comincia con lo Slalom Sant’Angelo Muxaro il 4 e a seguire il Rally del Tirreno il 10 e 11

 

MONTAGGIO

Torregrotta (ME), 2 Agosto. Anche il mese di agosto sarà interessantissimo per gli appassionati siciliani di sport motoristici, tre gli Slalom in programma, il primo dei quali subito il prossimo weekend a Sant’ Angelo Muxaro in provincia di Agrigento dove si tornerà il 18 agosto in occasione della prova di Cammarata per poi fare tappa ad Altofonte in provincia di Palermo. Molto atteso il rally notturno del Tirreno che si correrà il 10 e 11, mentre a chiudere il mese saranno il karting col circuito “cittadino” di Mascali (CT) e a cavallo con settembre la cronoscalata con la 62° edizione della Monte Iblei (RG).

La stagione corrente - ha commentato il Delegato Regionale, Armando Battaglia - si sta rivelando interessante e spettacolare in ogni settore. Se lo Slalom e il Karting portano continuità e numeri, le salite e i rally rappresentano degli appuntamenti imperdibili. Quest’anno fra l’altro abbiamo con successo riportato in campionato la cronoscalata del Santuario e mantenuto l’affascinante prova notturna del Tirreno”.

Il 5° Autoslalom di Sant Angelo Muxaro, organizzato dalla Muxaro Corse, per il Campionato Siciliano avrà coefficiente 1,5 e sarà valido anche per la Coppa di V° Zona e per lo Challenge Palikè, rinnovando il sodalizio con il team palermitano che ancora una volta porterà alla manifestazione il bagaglio di esperienza della famiglia Cirrito, dedita all’organizzazione delle corse da trent’anni.

Malgrado la data “difficile” il numero di iscritti ha dato ragione alla Muxaro avendo raggiunto le tre cifre e potendo contare su nomi di spicco della graduatoria assoluta e di classe.

Fra i big si annunziano in 1600 l’under 23 Michele Poma e il veterano Nicolò Incammisa entrambi su Radical SR 4 , mentre in 1400 Alberto Macaluso sarà al volante della versione Prosport della Radical.

Con le monoposto ci saranno in 1600 Antonino Di Matteo su Gloria F8 Evo 1600 e Girolamo Ingardia quest’anno vincitore a Sciacca e Misilmeri con la Ghipard 1150. Della stessa classe faranno parte anche Giuseppe Giametta con la Predator che a Misilmeri a ottenuto il suo primo podio stagionale, Pietro Caltagirone sulla Gloria B4 e Angelo Cucchiara sulla Formula Arcobaleno.

Presenti molti leader di classe: Nella RS 1600 Salvatore Giacalone su Pegueot 106 R, nella 2000 Lorenzo Bonavires su Renault Clio Rs, Nella RS Plus 1600 Giuseppe Perniciaro su Citroen Saxo Vts. Nel Gruppo N , in classe 1400 Marco Segreto su Peugeot 106 R, in 1600 Ignazio Bonavires su Peugeot 106 R, in 2000 Mario Radici su Renault Clio Wlm. Per quanto riguarda il gruppo A ci sarà Michele Russo in 1600 su Peugeot 106 S 16, in 2000 Jerry Mingoia su renault Clio Rs. In gruppo S, Andrea Armanno su Fiat 126 in S1, Emanuele Burgio su Fiat 500 sp in S4 e Davide Giorgianni su Peugeot in S5.Con le vetture coperte più elaborate della classe E1 Italia è iscritto in classe 1400 Franceso Morici su Fiat 500 Sp, in 1600 Salvatore Novara su Peugeot 106 R, in 2000 Giuseppe Messina su Renault Clio RS Cup. Infine al via nella classe P1 riservata ai Prototipi Slalom sarà al via Emanuele Campo su Fiat 126.

Il programma prevede le Verifiche Tecnico/Sportive dalle 15.30 alle 19,30 di sabato 3 agosto in Piazza Umberto I a Sant’Angelo, la gara si disputerà su tre manche con start domenica ore 9.00. Il percorso di circa tre chilometri si dirama lungo la S.P. 19 e dalla periferia si inerpica tra i birilli (12 le postazioni di rallentamento) sino a raggiungere le porte del centro abitato del comune.

Pronta allo start la new entry della serie regionale indetta dalla Delegazione Sicilia

Torregrotta (ME), 26 luglio. La provincia di Messina grazie alla lungimiranza della Associazione Passione & Sport che ha ripreso un percorso già utilizzato in passato è pronta a offrire ancora una volta grande spettacolo agli appassionati di questa specialità automobilistica. La location dei Nebrodi è magnifica per ospitare una manifestazione di questo genere e il paese di Castell’Umberto ha mostrato interesse sin dai preparativi del percorso.

Con questo viatico il Delegato Regionale, Armando Battaglia si è espresso molto positivamente nei confronti di una gara che sicuramente potrà nel tempo raggiungere i livelli delle più blasonate Torregrotta e Novara. Una stagione quella corrente - ha dichiarato - che continua a darci soddisfazioni, tanto per le adesioni che risultano numerose dappertutto, malgrado si corra praticamente ogni domenica, quanto per il seguito del pubblico che specie in provincia di Messina è particolarmente numeroso. Nelle graduatorie di classi abbiamo complessivamente oltre 200 piloti a punti.

Schillace Pomea e Puglisi

Lo Slalom di Castell’Umberto infatti è il quarto ed ultimo dell’alternanza fra le provincie di Palermo e Messina, fra Castelbuono e Misilmeri infatti si è corso a Novara con un trend abbastanza univoco che ha portato l’alfiere della T.M Racing Emanuele Schillace e la sua scuderia ancora più in lizza alla classifica assoluta. L’unico che in parte è riuscito per due volte a sostituirlo nel ruolo di vincitore nel corso di questa stagione è stato il mazarese Girolamo Ingardia, che nello scorso weekend ha trionfato a Misilmeri e qualche mese fa a Sciacca. Per il resto le sfide in tutti i raggruppamenti sono abbastanza aperte e sicuramente le attuali situazioni in molte classi potranno essere ribaltate nella seconda fase che partirà dopo la brevissima pausa di ferragosto per la quale sono in programma altri 10 Slalom. Fra questi sarà il 12° Slalom Città di Avola (SR) in programma il 29 settembre quello con il più alto coefficiente 1,7 mentre Sant’ Angelo Muxaro (AG) , Altofonte (PA) e Custonaci (TP) avranno 1,5. Sono dunque ancora molti i punti a disposizione per recuperare garantendo comunque grandi emozioni in ottica campionato alle ultime gare già di per se molto spettacolari.

A Misilmeri comune nelle immediate vicinanze del capoluogo siciliano il 21 luglio si gareggerà tra i birilli per la venticinquesima volta.

manifestomisilmeri2019

Torregrotta (ME), 19 luglio . Solo 20 chilometri distano Palermo da Misilmeri dove domenica 21 luglio si disputerà il 25° Autoslalom. Il Capoluogo siciliano da sempre vicino all’automobilismo è sempre terreno fertile anche per gli autoslalom, primo fra tutti quello di Misilmeri sono da considerarsi delle attrazioni importanti per chi ancora vuole sentire rombare motori e vedere uno spettacolo adrenalinico a poca distanza da casa. Conta anche su questo la squadra degli organizzatori composta dalla locale Mislmeri Racing e da Team Palikè che ha sede proprio a Palermo. “Abbiamo preparato tutto, hanno dichiarato i fratelli Bonanno (Misilmeri Racing) in modo che questo anniversario possa essere una grande festa per la cittadinanza di Misilmeri fidando anche di poter attrarre numerosi appassionati anche da Palermo che è veramente a due passi". Gli fa eco lo staff del Team Palikè che ha voluto manifestare con rinnovato impegno la propria contentezza nel collaborare fattivamente ad una gara che ha raggiunto un traguardo così importante "Organizziamo gare da moltissimi anni e lo Challenge che quest’anno ha raggiunto la venticinquesima edizione è frutto di una lunga storia pregna di dedizione nei confronti dello sport motoristico. Lo Challenge tocca parecchie province e ovviamente ci impegniamo ovunque con la stessa professionalità, ma ovviamente gli slalom di Castelbuono e Misilmeri li sentiamo in modo particolare in quanto ‘vicini'".

Gratificazione anche dalle delegazione Siciliana per l’euforia generale per le nozze d’argento della manifestazione. Armando Battaglia ha dichiarato “Lo slalom di Misilmeri assieme quello di Paratnanna e di Novara, i più longevi, rappresentano una base solida di questo campionato che continua a riscuotere sempre più successo. Nell’89 anno della prima edizione, (per 5 non si è corso) c’era molto scetticismo per questa disciplina che in un certo qual modo sembrava accorciasse le cronoscalate e ne rallentasse la velocità divenendo una gimkana. Nel tempo il ruolo degli Autoslalom è divenuto di assoluto spicco nel panorama automobilistico siciliano, lo confermano le 24 gare in calendario che si disputano in 9 mesi (con una frequenza di 3/mese) distribuite in 8 province. Per altro in nome della sicurezza abbiamo riportato alla ribalta ed in piena sicurezza i percorsi di alcune delle più belle cronoscalate come la monte Kronio (Sciacca) la monte Bonifato (Alcamo) la Catania-Etna, (Quota Mille) e tante altre. In oltre essendo così distribuiti sul territorio i costi per chi volesse avvicinarsi a questa disciplina sono moderati e la presenza di parecchi under è indice della propedeucità di questa specialità verso altre più impegnative".

Per quanto riguarda il Campionato, lo Slalom di Misilmeri ne sarà l’undicesima prova e avrà coefficiente 1,5. In questa occasione, sarà Girolamo Ingardia vincitore dello scorso anno a potere riavvicinarsi nella assoluta al mattatore Schillace che non figura tra gli iscritti, guardandosi le spalle nella classe E2 SS 1150 dall’incalzante incedere in classifica di Giuseppe Giametta. Nella classe regina la E2 SC 1600 la sfida sarà fra il veterano Nicolò Incammisa e l’under 23 Michele Poma, mentre nella 1400 ci saranno Antonio Virgilio, Onofrio Alba e Antonino Rotolo che hanno cominciato la stagione un po’ in ritardo.

Presenti a Misilmeri fra gli altri giovani, insieme al già citato Poma, Emanuele Burgio, Danilo Gibella e Jerry Mingoia, tutti volti all’inseguimento di Michele Puglisi la cui partecipazione è ancora in predicato per le noie meccaniche accusate a Novara.

Nella classifica di Scuderia la Trapani Corse cercherà di accorciare le distanze rispetto alla T.M Racing, con la Misilmeri Racinge pronta a farsi notare con i suoi 22 iscritti all’impegno casalingo.

Nelle classi Gt e di serie ci saranno: in gruppo RS nella 1600 Salvatore Giacalone, nella 2000 Lorenzo Bonavires e nella Plus 1600 Giuseppe Perniciaro tutti leader delle rispettive graduatorie come Marco Segreto nella N 1400 e Marco Radici nella N 2000, in competizione quest’ ultimo con Jessica Muccio a sua volta prima nell’assoluta femminile. In Gruppo A, in classe 1400 Massimo Savona proverà a recuperare qualcosa su Alessio Truscello, assente a Misilmeri, mentre ci saranno in 1600 Bruno Costantino e il giovane Salvatore Burgio. Nella 2000 gli altri due under Gibella e Mingoia continueranno la loro sfida per il primato. Fra le Bicilindriche spicca il nome di Luigi Bono gia leader con la Fiat 500 di GR.5. Per quanto riguarda la S1 tutti presenti i primi dell’attuale graduatoria Armanno, Polizzi e La Manna. In E1 Francesco Morici proverà a resistere all’assalto di Francesco Castello attuale terza forza della 1400, mentre nella 1600 Salvatore Novara potrà rimpinguare il suo punteggio già congruo. Campo e Gagliardo saranno nuovamente in lotta con le Fiat 126, nella classe P.1

A rendere ulteriormente interessante lo slalom di Misilmeri tanti altri nomi di spicco che ancora non figurano nelle graduatorie di campionato ma che non sono voluti mancare al 25° anniversario.