A Misilmeri comune nelle immediate vicinanze del capoluogo siciliano il 21 luglio si gareggerà tra i birilli per la venticinquesima volta.

manifestomisilmeri2019

Torregrotta (ME), 19 luglio . Solo 20 chilometri distano Palermo da Misilmeri dove domenica 21 luglio si disputerà il 25° Autoslalom. Il Capoluogo siciliano da sempre vicino all’automobilismo è sempre terreno fertile anche per gli autoslalom, primo fra tutti quello di Misilmeri sono da considerarsi delle attrazioni importanti per chi ancora vuole sentire rombare motori e vedere uno spettacolo adrenalinico a poca distanza da casa. Conta anche su questo la squadra degli organizzatori composta dalla locale Mislmeri Racing e da Team Palikè che ha sede proprio a Palermo. “Abbiamo preparato tutto, hanno dichiarato i fratelli Bonanno (Misilmeri Racing) in modo che questo anniversario possa essere una grande festa per la cittadinanza di Misilmeri fidando anche di poter attrarre numerosi appassionati anche da Palermo che è veramente a due passi". Gli fa eco lo staff del Team Palikè che ha voluto manifestare con rinnovato impegno la propria contentezza nel collaborare fattivamente ad una gara che ha raggiunto un traguardo così importante "Organizziamo gare da moltissimi anni e lo Challenge che quest’anno ha raggiunto la venticinquesima edizione è frutto di una lunga storia pregna di dedizione nei confronti dello sport motoristico. Lo Challenge tocca parecchie province e ovviamente ci impegniamo ovunque con la stessa professionalità, ma ovviamente gli slalom di Castelbuono e Misilmeri li sentiamo in modo particolare in quanto ‘vicini'".

Gratificazione anche dalle delegazione Siciliana per l’euforia generale per le nozze d’argento della manifestazione. Armando Battaglia ha dichiarato “Lo slalom di Misilmeri assieme quello di Paratnanna e di Novara, i più longevi, rappresentano una base solida di questo campionato che continua a riscuotere sempre più successo. Nell’89 anno della prima edizione, (per 5 non si è corso) c’era molto scetticismo per questa disciplina che in un certo qual modo sembrava accorciasse le cronoscalate e ne rallentasse la velocità divenendo una gimkana. Nel tempo il ruolo degli Autoslalom è divenuto di assoluto spicco nel panorama automobilistico siciliano, lo confermano le 24 gare in calendario che si disputano in 9 mesi (con una frequenza di 3/mese) distribuite in 8 province. Per altro in nome della sicurezza abbiamo riportato alla ribalta ed in piena sicurezza i percorsi di alcune delle più belle cronoscalate come la monte Kronio (Sciacca) la monte Bonifato (Alcamo) la Catania-Etna, (Quota Mille) e tante altre. In oltre essendo così distribuiti sul territorio i costi per chi volesse avvicinarsi a questa disciplina sono moderati e la presenza di parecchi under è indice della propedeucità di questa specialità verso altre più impegnative".

Per quanto riguarda il Campionato, lo Slalom di Misilmeri ne sarà l’undicesima prova e avrà coefficiente 1,5. In questa occasione, sarà Girolamo Ingardia vincitore dello scorso anno a potere riavvicinarsi nella assoluta al mattatore Schillace che non figura tra gli iscritti, guardandosi le spalle nella classe E2 SS 1150 dall’incalzante incedere in classifica di Giuseppe Giametta. Nella classe regina la E2 SC 1600 la sfida sarà fra il veterano Nicolò Incammisa e l’under 23 Michele Poma, mentre nella 1400 ci saranno Antonio Virgilio, Onofrio Alba e Antonino Rotolo che hanno cominciato la stagione un po’ in ritardo.

Presenti a Misilmeri fra gli altri giovani, insieme al già citato Poma, Emanuele Burgio, Danilo Gibella e Jerry Mingoia, tutti volti all’inseguimento di Michele Puglisi la cui partecipazione è ancora in predicato per le noie meccaniche accusate a Novara.

Nella classifica di Scuderia la Trapani Corse cercherà di accorciare le distanze rispetto alla T.M Racing, con la Misilmeri Racinge pronta a farsi notare con i suoi 22 iscritti all’impegno casalingo.

Nelle classi Gt e di serie ci saranno: in gruppo RS nella 1600 Salvatore Giacalone, nella 2000 Lorenzo Bonavires e nella Plus 1600 Giuseppe Perniciaro tutti leader delle rispettive graduatorie come Marco Segreto nella N 1400 e Marco Radici nella N 2000, in competizione quest’ ultimo con Jessica Muccio a sua volta prima nell’assoluta femminile. In Gruppo A, in classe 1400 Massimo Savona proverà a recuperare qualcosa su Alessio Truscello, assente a Misilmeri, mentre ci saranno in 1600 Bruno Costantino e il giovane Salvatore Burgio. Nella 2000 gli altri due under Gibella e Mingoia continueranno la loro sfida per il primato. Fra le Bicilindriche spicca il nome di Luigi Bono gia leader con la Fiat 500 di GR.5. Per quanto riguarda la S1 tutti presenti i primi dell’attuale graduatoria Armanno, Polizzi e La Manna. In E1 Francesco Morici proverà a resistere all’assalto di Francesco Castello attuale terza forza della 1400, mentre nella 1600 Salvatore Novara potrà rimpinguare il suo punteggio già congruo. Campo e Gagliardo saranno nuovamente in lotta con le Fiat 126, nella classe P.1

A rendere ulteriormente interessante lo slalom di Misilmeri tanti altri nomi di spicco che ancora non figurano nelle graduatorie di campionato ma che non sono voluti mancare al 25° anniversario.

Il messinese ha firmato il suo 8° successo stagionale sulla Radical SR4 al fotofinish con la squillante vittoria alla gara organizzata da Top Competition ospitata in uno dei “Borghi più belli d’Italia” valida per il Trofeo D’Italia Sud, Coppa 5^ Zona e Campionato Siciliano. Sul podio tutto Radical Puglisi e Lombardo divisi da pochi centesimi di secondo.

Novara di Sicilia (ME), 14 luglio 2019. Tanto pubblico ed uno dei “Borghi più Belli d’Italia” in fermento per il 24° Slalom Rocca Novara di Sicilia, la gara organizzata da Top Competition in partnership con il Comune, con la locale Agenzia UnipolSai e con la Factory Ferrara Motors. La gara messinese prova di Trofeo D’Italia Sud, la Coppa Slalom 5^ Zona, oltre a quella per il Trofeo Italiano Femminile e Campionato Siciliano con coefficiente 1,7 ha emesso verdetti al fotofinsih.

Schillace Novara

Ha vinto al fotofinish il giovane messinese Emanuele Schilace, l’alfiere della T.M. Racing sulla Radical SR4 da 1600 cc, curata in casa dal papà, ha vinto tutte e tre le manche di gara sui 3,3 Km della SS 185, dove è sempre stato tallonato dai diretti inseguitori su un podio tutto Radical SR4: il catanese Michele Puglisi ed il kartista di Brolo Francesco Lombardo per la prima volta sulla scattante biposto inglese. Schillace ha portato così a 8 i suo successi stagionali e detiene saldamente la vetta del Campionato Siciliano che a Novara ha avuto coefficiente di moltiplicazione del punteggio di 1,7. Puglisi nella prima manche ha subito una penalità per aver toccato un birillo, ma la gara è stata davvero elettrizzante con differenze esili non solo per il podio ma in diversi gruppi e classi.

A r idosso del podio Girolamo Ingardia, molto concreto anche con la piccola Glori a con motore da 1150 che ha usato per l’occasione e con la quale il trapanese ha guadagnato importanti punti per la serie regionale con prima posizione tra le monoposto. Quinta piazza per il giovane ragusano di Modica Giuseppe Medica, l’alfiere Street Racers molto costante ed in rimonta. Sesta piazza per un altro driver della Zona, Giuseppe Bellini in otimo feeling con la piccola ma agile Ghipard, seguito dal torrese santi Leo su radical e da Salvatore Bellini senior anche lui su radical in versione Prosport da 1400 cc.. Successo in Gruppo E1 per Giuseppe Messina che si è portato fino al 9° posto assoluto con la Renault Clio RS Cup, seguito dal migliore delle Silhouette di gruppo E2SH, Damiano Furnari, pilota di casa in gara con i colori Racing For Genova.

A ridosso dei primi 10 l’esperto ed inossidabile Alfredo Giamboi, l’esperto pilota che in casa ha nuovamente vinto il gruppo Speciale con la Fiat X1/9. Duello serrato tra Peugeot 106per il gruppo A vinto dall’etneo della Catania Corse Michele Russo al fotofinish per un solo centesimo di secondo contro l’arrembante portacolori Project Team Angelo Guzzetta. Ignazio Bonavires ha messo il suo sigillo in gruppo N al volante della Peugeot 106 1.6 con cui ha preceduto il messinese Mario Radici su Renault Clio di classe 2000. Tra le lady prima posizione per la palermitana della Armanno Corse Vincenza Allotta su Fiat 126 di gruppo Speciale, la due volte campionessa italiana in rosa ha preceduto la santateresina Jessica Miuccio su Renault Clio gruppo N.

La 3° prova della serie regionale con il coefficiente 1,5 potrebbe dare una nuova impronta alle classifiche

Torregrotta (ME), 21 giugno. Il Campionato Siciliano Velocità Montagna si appresta ad andare in scena per la terza volta in questa stagione, dopo le prove di Sortino e Cefalù, e ancora le classifiche risultano molto serrate. Per quanto le prime due gare abbiano goduto dello stesso coefficiente moltiplicatore di punteggio in molte graduatorie regna l’equilibrio. A Giarre il numero elevato degli iscritti lascia immaginare che in molte classi le sfide saranno particolarmente accese in attesa degli appuntamenti CIVM di settembre di Mont’ Erice e della Coppa Nissena in cui i punti saranno addirittura raddoppiati.

Dopo la cronoscalata del Santuario, la classifica assoluta vede al comando Samuele Cassiba, davanti al padre Giovanni e a Luca Caruso, che proprio “in casa” proverà a riagguantare la famiglia iblea.

GIOVANNI CASSIBA

Fra gli under 25, assente Fazzino che punta al Cir, a Giarre ci saranno Dario Salpietro che è Leader in classifica e Martina Raiti che è pure al momento l’unica a punteggio nella graduatoria femminile.

LUCA CARUSO

Nelle altre classi E2SC, in 1600 primeggia Franco Caruso, mentre grazie al doppio successo di Sortino in 1400 comanda Salvatore Reina.

Glia altri leader di campionato sono: in E1 ITA nella 3000 Driver Gabry, nella 2000 Alfio Tudisco, nella 1600 Angelo Guzzetta e nella 1400 Angelo Compagno; in gruppo A 2000 Andrea Solerte e in 1600 Riccardo Arcieri. Nel gruppo Produzione Evo oltre 3000 è al comado Giuseppe Nicastro, ex equo nella 2000 per Antonino Lo Nigro e Vittorio Cassata, nella 1600 per Gaetano Noto e Vito Agueci, nell affollata 1400 per Andrea Patanè e Giuseppe Barbagallo e nella1150 per Giuseppe Speciale e per Imbraguglio Salvatore. Con le auto di Produzione di Serie 2000 primeggia Salvatore Baratta, nel 1600 Davide Gravina, nel 1400 Corrado La Rosa.In classe Rs Plus si sono messi in luce Ignazio Amato e Savatore Monzone e nella RS 1600 è Sebastiano Berardi. Vivaci come sempre le categorie riservate alle Bicilindriche che a Giarre saranno presenti in massa, in grurrpo 5 è primo Andrea Currenti, mentre in gruppo 2 Giovanni Vicari.

La classifica speciale riservata alle Scuderie vede in testa dopo le prime due gare l’ ASD Catania Corse, davanti alla Viemme Corse e Alla Real Cefalù

SAMUELE CASSIBA

Il doppio punteggio attribuito per il coefficiente 2 ai protagonisti del Rally dei Nebrodi, ha movimentato le graduatorie, rendendo la kemesse regionale subito appassionante.]


Con il Rally dei Nebrodi, la serie regionale promossa da Aci Sport Sicilia è entrata ancor più nel vivo, infatti, grazie al coefficiente più alto, il messinese di Sant’Angelo di Brolo, Carmelo Galipò, vincitore su Skoda Fabia R5, ha preso il comando fra i piloti della classifica assoluta e altrettanto ha fatto il suo navigatore Tino Pintaudi, fra i suoi omologhi.  Sulla loro scia, gli altri protagonisti della gara messinese hanno guadagnato le posizioni di vertice; il messinese ma di Santa Teresa Riva, Michele Coriglie, terzo all’ arrivo con la Peugeot 106  è adesso secondo nell’assoluta e primo nella classe A6, e  Andrea Nastasi , quarto al Nebrodi con la Renault Clio, è terzo nell’ assoluta e primo fra le R3C. 

L’unico equipaggio in rosa che al momento ha preso punti, è  Vincenza Allotta e Loredana Ordile. La palermitana di Belmomte Mezzagno e la brava copilota messinese di Torregrotta sulla guida della nuova Renalut Twingo sulle leggendarie prove del “Nebrodi”, è balzata in testa nella classe R2B, mentre fra le tante navigatrici, nella graduatoria a loro riservata, Erminia Rizzo che ha gareggiato a fianco di Salvatore Nardo sulla Peugeot 1600 Rally,  precede Jessica Muccio con il fratello Francesco sulla Renault Clio.


Particolare interesse nel Trofeo Rally Sicilia è concentrato sui giovani talenti. Nella speciale classifica riservata agli under 25, Antonello Costa è primo, davanti a Andrea De Caro e Francesco Pasquale.

Gli altri leader sono: l’esperto Giuseppe Alioto nella classe S1600, Salvatore Prestipino nella classe A7, la giovane conferma nissena Giovanni Lanzalaco nella classe N3, Giammarco Foti Cuzzola nella classe A5, Giuseppe Leotta nella classe N2, Daniele Pino nella classe N1 e Antonino Foti nella classe RS1600.


La speciale categoria riservata alle scuderie ha un vertice tutto messinese, è guidata dalla CTS Sport, che precede il Team Phoenix e la Nebrosport.


Grande attesa  per il prossimo appuntamento, la Targa Florio, che si disputrerà il 10 e 11 maggio e avrà addirittura coefficiente 3 per i piloti iscritti al CIR e 2,5 per quelli iscritti al regionale.

Paolo Celi comanda la classifica piloti dopo due prove, mentre Salvatore Cancemi quella navigatori, ma i distacci sono esigui ed i pretendenti tanti. Il 4 e 5 maggio la possibilità di avere coefficiente 3 o 1,5 rispettivamente per CIR o CR
 

Celi Rappazzo su Peugeot 106
 
Torregrotta, 22 aprile 2018. Il Trofeo rally Sicilia nell’edizione 2018 dopo due prove ha riconfermato il fermento e l’incertezza che gli hanno conferito gli alti numeri prodotti dalla serie ideata e promossa dalla Delegazione ACI Sport Sicilia.
Si sono svolti finora il Rally Cefalù Corse dello scorso 18 marzo ed il Rally dei Nebrodi del 15 aprile e già si sono infiammate le classifiche con distacchi esigui e molti pretendenti ai vertici che rimangono completamente aperti per un gran numero di piloti anche new entry. La prossima gara valida sarà la 102^ Targa Florio del 4 e 5 maggio, con la possibilità di moltiplicare i punti per 3 se si partecipa al Campionato Italiano rally, mentre il coefficiente sarà di 1,5 per i concorrenti della gara con validità di Campionato Regionale, numeri che impreziosiscono il fascino da sempre esercitato dalla corsa più antica del mondo, appuntamento irrinunciabile per i piloti siciliani.

Corbetto Peugeot

Il messinese Paolo Celi comanda la classifica piloti grazie ai punti guadagnati in entrambe le gare svolte finora, dove unitamente alla co-driver Graziella Rappazzo, è stato protagonista con la Peugeot 106, seguito da un altro driver messinese di Montalbano Elicona, Giuseppe Leonte che su un’auto gemella si è portato in seconda posizione grazie alla posizione assoluta e di classe al Rally dei Nebrodi. IN terza piazza assoluta e provvisoria il nisseno di Mussomeli Gaspare Corbetto, anche lui su Peugeot 106, reduce dal podio nebroideo ed in vantaggio di soli 0,25 punti sul pattese Antonino Segreto.
Tra i copiloti il comando assoluto è invece in mano a Salvatore Cancemi, navigatore niseo che ha condiviso la Peugeot 106 con Corbetto, che precede solo di 1,25 punti Graziella Rappazzo, a sua volta leader della affollata ed ambita classifica in rosa, davanti alla brolese Alessandra Gregorio che ha navigato Filippo Bellini sulla Peugeot 306 al Nebrodi.
Anche l’under 25 ha iniziato a prendere forma ed attualmente vede la leadership de giovane figlio d’arte Giuseppe Munafò, che ha spiccato al Nebrodi ed ora precede il nisseno vincitore del Rally Cefalù Corse Salvatore Lo Cascio e Rosario Cannino.
Tutto aperto e tutto possibile, dunque, in una serie che promette alto agonismo anche nelle singole classi dove i pretendenti sono numerosi.

Una nuova data sarà comunicata a breve in luogo di quella programmata del 28 maggio spostata per un improvviso impegno familiare del Delegato Regionale ACI Sport 

Torregrotta (ME), 23 maggio 2017. Rinviato l’incontro a Pergusa con Direttori di Gara, Commissari e Delegati Allestimento Percorso.

A breve sarà comunicata la nuova data di svolgimento sempre presso l’Autodromo ennese. La decisione si è resa necessaria per un improvviso ed improrogabile impegno di famiglia del Delegato Regionale ACI Sport Armando Battaglia. Lo stesso Delegato ha informato personalmente ciascuno dei diretti interessati, comunicando che a breve sarà concordata e comunicata una nuova data.

ACI Sport Delegazione Sicilia